Baie del Levante Le voci del territorio

A BONASSOLA IL COMUNE HA CHIUSO IL PARCHEGGIO DEL CAMPO SPORTIVO: PERCHÉ ?

di Sonia Maestro Rodolfo 

Da qualche settimana il campo sportivo è ritornato alla sua primitiva funzione, in quanto dall’estate 2018 non deve più prestarsi a diventare un affollatissimo parcheggio, come succedeva dal lontano 1999. Chiediamo a Giorgio Bernardin, il Sindaco:

 

– Questa è stata una decisione coraggiosa, da cosa è stata determinata ed è stabile per tutta l’estate?

“Sì, la decisione è entrata in funzione stabilmente, non solo per l’anno in corso ed è stata determinata da un dovere di garantire la sicurezza al paese nella sua entità, ai bambini che stanno nel campo giochi vicino al campo sportivo, e a tutti gli abitanti e le spiego perché. Il campo sportivo,diventando ogni estate un grande parcheggio, non era dotato dei richiesti sistemi di sicurezza perché non era dotato di una seconda via d’uscita e poi non aveva impianti antincendio. Infatti non c’erano estintori e pompe d’acqua per spegnere eventuali incendi, quindi era assolutamente fuori norma e pericoloso, ben sapendo che in piena estate vi erano inserite dalle 100 alle 110 auto messe fitte fitte, una accanto all’altra. I Tecnici interpellati ci hanno detto che su quell’area, secondo le norme ufficiali, e con le dotazioni richieste, non dovrebbero sostare più di 28 auto, per avere agibilità di movimento, in caso di incendio.”

– Certamente gli habituées che venivano soprattutto dalla Val di Vara e paesi collinari saranno profondamente delusi di non avere più la possibilità di venire a passare le giornate a Bonassola. Non c’è un’altra possibilità di costruire un parcheggio regolare in altra posizione, ad esempio nei terreni dal bivio in giù? Io ricordo che si parlava di questo già negli anni ’80 e mio marito, l’Ing. Emilio Rodolfo, era particolarmente interessato a trovare una soluzione. Perché in tutto questo tempo non si è fatto niente e si è arrivati oggi al “non accesso a Bonassola”?

“Non è stato fatto niente, penso, proprio , oltre che per i costi relativi, per la mancanza di terreni adatti e disponibili.”

– Ma gli esercenti bonassolesi come hanno reagito alla nuova situazione che a loro certamente procurerà una riduzione di incassi ?

“Il Comune è un responsabile diretto in quanto proprietario dell’area e quindi deve salvaguardare prima gli interessi pubblici di quelli dei privati. Bisogna anche sottolineare che il non arrivo di un centinaio di auto, comporta una riduzione dell’inquinamento atmosferico e di rumore, rendendo più sano il vivere delle persone in paese.”

– C’è qualche altra novità recente?

“ Sì, c’è un’altra cosa che risponde sempre alla ricerca della sicurezza per le persone: si tratta del fatto d’aver recentemente chiusa al traffico dei camion la Via Matteotti, in quanto quel luogo era utilizzato dai camionisti per la consegna, in prima mattina, dei prodotti ai negozi. L’area è stretta, la retromarcia dei mezzi é pericolosa per i pedoni, e quindi anche in questo caso , il mio impegno è stato quello di assicurare la sicurezza alle persone. I camionisti parcheggiando in altro luogo, utilizzeranno un carrello per le consegne, e non è un gran male in confronto alla sicurezza personale dei pedoni in quel preciso luogo.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.