Cinque Terre

È NATO IL NUOVO LABORATORIO DEL MARE

di Sonia Rodolfo

Il nuovo progetto si chiama LABMED e si pone l’obiettivo di tenere in video sorveglianza il mare, studiandone anche le conseguenze dell’impatto antropologico su di esso, attraverso telecamere poste lungo tutta la costa. Questo sarà il passo più importante sullo studio del mare e affiancherà il nuovo sistema di videos orveglianza costituito dall’impianto “Wave radar” studio in 3D, recentemente messo in funzione dal Parco Cinque Terre. questo impianto ha tre postazioni multiple con telecamere che operano da Punta Mesco, da il capo Montenero e dalla scogliera di Corniglia. Il progetto che punta sulla ricerca di sicurezza e sorveglianza del traffico sotto costa, è stato finanziato dal Ministero dell’Ambiente al fine di individuare la presenza delle imbarcazioni, conoscerne le dimensioni , la velocità e la rotta e punire con multe chi commette infrazioni nel tratto dell’area marina protetta. Il nuovo progetto LABMED ha richiesto un ingente investimento e piano piano coinvolgerà le seguenti regioni che si affacciano sul mare : Toscana, Sardegna, Corsica e PACA che comprende anche la Costa Azzurra.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.